• I luoghi della memoria sono quelli che ci cuciamo addosso o quelli che ci vengono cuciti. Se veramente esiste un “filo rosso del destino”, voglio che sia questo, a cucire i miei ricordi istantanei, a cucirmi sui miei luoghi.

    Sofia Bucci è un’artista molto giovane ma già in possesso di una sensibilità particolarmente sviluppata, nei suoi lavori riecheggia spesso di fondo la sua storia personale, il suo vissuto, come se la fotografia fosse il metodo ideale per mettere a nudo e curare al tempo stesso le ferite scoperte. Il passato e la memoria sono per lei tessere da cucire silenziosamente, con cura, con un filo rosso capace di tenere insieme i pezzi che il tempo inesorabilmente sbiadisce. Ricordi cuciti è una metafora del passaggio del tempo, sui luoghi e sulle persone, Ricordi cuciti sono istantanee di vita da custodire, tracce di un viaggio in cui l’artista è ago e la sua arte delicato filo. (Andrea Laudisa)

    BitumeFotoFest